Domenica positiva in tutti i sensi quella del 23 aprile. I piccoli del Zoldo/Alleghe under 8 e 10 hanno partecipato alla Spring Cup U9 presso il palaghiaccio di Padova. Infatti i ragazzini più grandi, gli under 10, dopo una brillante stagione che li ha visti sempre nei primi posti della classifica, finalmente hanno coronato il sogno di portare a casa la vittoria!

La kermesse era divisa in due gironi e le nostre civettine divise  in due squadre hanno giocato in entrambi. Lo Zoldo/Alleghe dopo aver vinto contro i padroni di casa, i Diavoli Torino ed il Varese hanno perso contro l’Alta Badia qualificandosi al secondo posto ed accedendo alla semifinale contro Bressanone, una gara tiratissima sempre in pareggio 1 a 1 ma a trenta secondi dalla fine le Civettine estraggono gli artigli e marcano il gol della vittoria ed è finale contro l’Alta Badia. Avversari tosti i badioti che qualche ora prima si erano imposti sugli agordini. Niente di scontato, niente di facile, i ragazzini si sono battuti fino alla sirena, ma i tempi regolari si sono conclusi con un pareggio e si va ai rigori. Tirano i ladini ma non riescono a parare il tiro di Viktor Meneghetti che porta i biancorossi alla vittoria del torneo.

L’altra squadra Alleghe/Zoldo, tutti under 8, si sono battuti con impegno e tanta volontà. Tutti piccoli di età, tra loro addirittura due 2012, hanno vinto in determinazione e simpatia. Tecnici e responsabili sono fieri e soddisfatti di questi ragazzi, e sono consci di lavorare sulla strada corretta per il futuro di queste giovani leve.

Bellissima giornata sia sotto il profilo meteorologico per l’organizzazione impeccabile. Giochi, colazione, pranzo, merenda, festa e tanto divertimento. A tutti i bambini è stato regalato un piccolo orologio da polso e tutti sono stati premiati con una medaglia o una coppa. Tecnici, responsabili e genitori ringraziano la società patavina per la bellissima giornata.

Prossimo appuntamento i giorni 5-6-7-8- maggio con la under 11 e 13 a Nizza.

“Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno”.

Karen

 

 

Lascia un Commento