+39 0437 523176 / info@alleghehockey.com

La coppa rimane in Piemonte

vittoria valpe foto Pattis.Grinta e cuore non sono bastati all’Alleghe, la Coppa rimane in Piemonte nella bacheca del Valpellice. Gli agordini tornano a casa a mani vuote, ma a testa alta, perché hanno lottato tutta la partita e il risultato di 7 a 3 è troppo severo per la formazione di Pokel.

Le due squadre nel campionato hanno vinto in casa 2 partite e perse 2 in trasferta. Simili i colori e belle le tifoserie, presenti numerose anche questa sera sugli spalti del Tazzoli, che registra il tutto esaurito. Inizio a tutto gas e la Valpe a 18 secondi dal via passa in vantaggio con Sirianni. I Torresi galvanizzati dai folti tifosi arrivati dalla vicina Torre Pellice, mettono sotto assedio Fort Dennis. L’estremo agordino si difende e si supera su un tiro di Ihnacak. La tensione è normale in una partita di finale e si accendono dei parapiglia prontamente sedati dalla terna arbitrale. Partita veloce con belle occasioni da entrambe le parti. In cinque contro quattroL’Alleghe preme tanto, innervosisce Parise con più di un inserimento nello slot e trova il pareggio al 14’32” con Alberto Fontanive. Daniel Gamper manda in panca puniti Da Tos per aggancio con bastone , In superiorità numerica non sbaglia nemmeno la Valpe, Jhonson tira un missile che sorprende Dennis e porta i suoi in vantaggio. A un minuto dalla sirena Dennis subisce la zampata di Runer .

Secondo tempo, a 49 secondi dall’inizio ancora un gol a freddo del solito Sirianni. Pokel chiama a raccolta i suoi per cercare di scuoterli. I ragazzi ci provano, macinano ghiaccio tirano e tirano tanto, ma un Parise formato polipo para tutto e di più. al 31’50”. È ancora di Rob Sirianni, assoluto protagonista di questa Coppa Italia, tira al sette sul palo di Dennis e mette a segno la sua terza rete personale la 5° della serata. Arriva, a sorpresa il secondo gol dell’Alleghe: merito di Waddell, che ci crede, e soprattutto di Rocco che devia quel tanto che basta da mettere fuori causa (tra i gambali) Parise. 5-2 al 38’49”.

Inizio terzo tempo la storia cambia, questa volta a segnare dopo appena 36 secondi è LoVecchio. Il ghiaccio prende fuoco, e il gioco è veloce e spettacolare. Al 50′ Veggiato ha lo spiraglio giusto, ma sceglie il primo palo e lì, Parise, non si sorprende. A quattro minuti dalla sirena Sirianni si accomoda in panca puniti, ma il power play agordino non da i frutti sperati. Pokel toglie il portiere, Sirianni ringrazia e centra la porta vuota da lontanissimo. 6-3. Il risultato diventa sempre più pesante, Flanagan mette in campo la linea dei giovani Mondon Marin-Coco-Durand Varese, che si ritagliano una fetta di gloria, apponendo un sigillo, il settimo.

Peccato l’Alleghe non meritava di perdere così pesantemente. Ora si ritorna al campionato con la prima del master round giovedì 17 a Collalbo contro il Renon.

[nggallery id=72]

43 Responses
  1. ale

    Bravi lo stesso,sarebbe stato bello alzare la coppa ma così non è il stato…
    La cosa più fastidiosa della serata sono stati i commentatori di raisport che tifavano spudoratamente Valpe e non perdevano occasione di parlare del Cortina (che ha vinto le prime tre edizioni della coppa italia) e del Bolzano (che ha perso tutte e tre le partite ma ha giocato bene). Capisco che la Valpe ha organizzato l’evento ma un minimo di imparzialità sarebbe d’obbligo. Bel servizio pubblico.

    1. Andrea

      Giuro, non voglio iniziare polemiche… Solo è buffo che io ho avuto la sensazione opposta. Comunque un grande hockey, e questo alla fine che conta!

  2. DELUSIONE,FRUSTRAZIONE,CRONICA MALINCONIA, voglia di spaccare tutto, gridare, ma alla fine forse si fa strada un unico sentimento che ha il sopravvento su tutto: LA RASSEGNAZIONE. ecco, alla fine della finale di Coppa Italia è così che mi sento. Ma che colpa ne ho, perchè devo sentirmi così male solo perchè sono un tifoso di vecchia data (dal 1983), un PASIONARIO dell’Alleghe Hockey?
    Dopo alcuni anni è passata ancora la storia sulla nostra strada ed ancora, anche questa volta, la storia è stata scritta: LA STORIA DEGLI ALTRI. La storia ci è scivolata addosso, caduta a terra e proseguito in altre direzioni.

    Ma che colpe abbiamo noi tifosi dell’Alleghe hockey? Si, forse siamo degli sfigati che tifiamo per una squadra sfigata di un piccolo paese dell’agordino al quale nulla può essere concesso. Solo l’illusione di avere una squadra che può giocarsi il titolo italiano, la coppa italia. poi il destino crudele ci affossa sempre. Per Voi nulla è concesso, dovete solo soffrire allo stadio, alla radio nel seguire sempre e costantemente la Vostra squadra con forte sentimento ma non potete mai osare di più, non vi è concesso. C’E’ SEMPRE QUALCUNO PIU’ FORTE DI VOI, E’ SEMPRE IL TURNO DI QUALCUN ALTRO. VOI DOVETE SOLO SOFFRIRE ED ACCONTENTARVI DI QUALCHE PARTITA DI CAMPIONATO VINTA QUA E LA.
    QUANDO SARA’ ORA DELL’APPUNTAMENTO CON LA STORIA, PRENDETE PURE LA MACCHINA, fatevi centinaia di km., gioite, illudetevi, pensate di poter vincere, pensatelo veramente fino in fondo come ho fatto io in questa finale di coppa 2013. POTETE VINCERE VOI TIFOSI DELL’ALLEGHE? NO, MI DISPIACE, CI DICE QUALCUNO, VOI NON POTETE FARLO, NON VI E’ CONCESSO.
    ORA CI VUOLE MEDITAZIONE, CERCARE DI CAPIRE MA NON SI RIESCE A FARLO.

    1. 22:38

      Sono d’accordo, purtroppo. In particolar modo mi sono ritrovato in questo passo: “anche questa volta, la storia è stata scritta: LA STORIA DEGLI ALTRI.” Ho avuto la strana sensazione che il “destino” anche questa volta tifasse per un’altra squadra, in questo caso la Valpe. Bravi comunque i ragazzi che di certo hanno fatto tutto il posssibile per tentare di realizzare questo sogno; ora avanti come sempre, c’è ancora molto da giocare e chissà che non possa arrivare finalmente qualche titolo. Rammaricato ma..chi perde la speranza ha perso tutto e quindi, ancora una volta, forza civette!

  3. tifoso

    grazie lo stesso Alleghe!

    sempre avanti, NONOSTANTE TUTTO.
    Vedrete che prima o poi un risultato importante lo facciamo.

    .. e comunque ci avete regalato tante emozioni. grazie

    PS Ma il regista della rai non sa regolare la luminosità delle riprese? Il disco si faceva fatica a vederlo

  4. Gabriele Gaiardo

    Peccato, ci avevo creduto. Ma bravi lo stesso, era già un bel traguardo essere in finale, vorrà dire che la prossima volta ci andrà meglio.
    Concordo sullo scandaloso commento su rai sport: ho spento deluso e ascoltato Mirko alla radio!!
    Forza Alleghe!! Questa sera più che mai!!

  5. Lara

    visto partita in tv, concordo per i commenti dei telecronisti spudoratamente di parte, 🙁 Grazie comunque Alleghe per la bella partita emozionante!!!

  6. Tifoso

    Peccato ma bravi lo stesso… Rammarico? Si, tanto. 1) Non si possono beccare due reti dopo pochi secondi dell’avvio. 2) Non si possono sbagliare gol a porta vuota come abbiamo fatto.
    Errori che si pagano. Purtroppo.
    Complimenti alla Valpe.

  7. TanoValpe

    La cosa piu bella e che questa sera ho visto una vera finale di coppa Italia ( non la solita coppa dei CRUCCHI ) Onore all’Alleghe, poi i colori sono uguali !!! Forza Bianco Rossi !!

  8. renzo

    In questa accasione ha vinto senza dubbio il migliore e lo ha dimostrato anche ieri sera.
    Oggi ci sono mancati ancora più del solito i tiratori, troppe incertezze in difesa, comunque grande Cica.
    Fastidiosi i commenti di un partigiano e un incompetente.
    Riprese televisive scarse, o troppo vicine o troppo lontane.
    Basterebbe copiare la tecnica di ripresa della NHL, copiare senza inventare nulla.

  9. marco

    Sono un tifoso della Valpe, volevo solo fare due considerazioni:
    1) in quanto a sfigati o comunque non avvezzi alla dea bendata stavamo bene anche noi (tre finali perse di fila in A2), e quindi dai non abbattetevi.
    2) credo che la vs semifinale sia stato un concentrato di adrenalina pura, a sette secondi dalla fine eravate fuori… vediamo il lato positivo. Chiudo: Auguri per il campionato.

  10. Sarza

    Pecà..pero’ purtoppo in questa partita ha meritato il Valpe, in oltre obbiettivamente ha meritato questa coppa.
    5 goals fatti al Brunico e 7 all’ Alleghe dicono che la coppa Italia se la sono meritata loro.

  11. paolo60

    è stato bello conoscere tanti tifosi dell’ALLEGHE e trascorrere serenamente con loro una serata di “FESTA dell’HOCKEY ITALIANO”.
    Essere arrivati secondi NON è comunque aver perso !!!!

  12. Massimiliano

    No no, in una finale non arrivi secondo…abbiamo perso e basta.
    Prima di tutto onore ai piemontesi, l’hanno meritata.

    Mi brucia tanto, tantissimo, e ancora di più perché non siamo riusciti a giocare come sappiamo, mai stati veramente in partita purtroppo…
    Sarà dura mandar giù questo boccone!

    Ora spero solo che la squadra reagisca con ancora più cattiveria e non si abbatta, altrimenti in un attimo svanisce anche la possibilità di lottare per il traguardo più grande.
    Perché anche se abbiamo perso la coppa, la squadra può giocarsela con tutti!

  13. AlexFI

    Edoardo non ti deprimere troppo, perdere fa parte del gioco. Come detto altre volte da numerosi tifosi, Alleghe deve essere già soddisfatta per avere, da tanti anni, una squadra di hockey nella massima serie ed un nucleo di appassionati di questo sport che la seguono con generosa dedizione.
    Questo è il successo più grande per Alleghe ed i suoi sportivi. Non lo dimentichiamo mai, soprattutto nei momenti di amarezza!!

  14. civetta 60

    Grazie lo stesso ragazzi!
    Forse non abbiamo giocato al meglio; avevamo comunque
    di fronte una grande squadra: complimenti alla Valpe.
    Adesso avanti tutta in campionato, occorre reagire subito.
    Mi permetto solo una considerazione:
    per piacere ridateci il 42…al posto del numero 10!
    Grazie ancora ragazzi e FORZA ALLEGHE!!!

  15. Claudio

    Due considerazioni: Valpe più concreta e più precisa, Alleghe non si possono commettere certi errori (2 gol presi a pochi secondi dall’inizio dei primi due tempi, e varie occasioni sbagliate)in una finale. Spero serva di lezione in vista delle gare di Play Off, quando ogni partita avrà la tensione di una finale. FORZA ALLEGHE!

  16. Reduce da una trasferta a Torino sabato sera con la famiglia e da una “visione casalinga” grazie a Mamma Rai della finale di Coppa Italia, ecco qui alcune considerazioni.
    Cominciamo dal tributo al vincitore: onore al merito alla simpatica Valpe. In due giorni ha asfaltato i lupi pusteresi, vera e propria corazzata del campionato da alcuni anni ormai e ha battuto (forse troppo) nettamente l’Alleghe. Oltre tutto ha pure organizzato l’evento con buoni risultati, riportando l’hockey di spessore nel capoluogo piemontese. Ricordo che la squadra è espressione di una valle di circa 18 mila abitanti, il comune di Torre ne conta circa 4700, quindi se vogliamo, grosso modo comparabile con la realtà agordina. La Valpe non ha mancato questo piccolo/grande appuntamento con la loro storia. Dopo tutto se guardiamo le statistiche la Valpe è la squadra in campionato che vanta la migliore media spettatori per partita, 1839, nonostante il bacino di utenza valligiano non sia poi così rilevante.E’ vero che Torino, e quindi una delle più grandi conurbazioni italiane, è vicina, però è anche vero che Torino non dimostra in questi ultimi anni di interessarsi molto all’hockey dato che non riesce ad esprimere una squadra a livello di serie A in questi ultimi tempi…
    La finale è stata caratterizzata da due segnature ai primi secondi del primo tempo e del secondo tempo. Segno questo che indubbiamente i torresi sono scesi in pista con migliore concentrazione, e più alta intensità rispetto alle civette.
    Dopo tutto, un certo “svuotamento” degli agordini ci può stare dopo una semi-finale al cardio-palma come quella di sabato, conquistata a 6 secondi dalla sirena finale in condizioni rocambolesche e dopo aver rincorso i cavalli di Collalbo per tutta la partita. Questo traguardo è stato un piccolo gioiello per come si erano messe le cose con Renon sabato sera. E fortunatamente non è solo stato il merito di Dennis che ci ha portato in finale ma anche di tutto il roster al completo che ci ha creduto fino alla fine. Ed è stato un gioiello di Pokel che ha saputo tenere la calma e motivare le civette fino alla terza sirena ed oltre. Il pubblico ha gradito, anche perché tra Renon e Alleghe, i tifosi Valpe presenti alle semifinali avevano adottato l’Alleghe, per affinità affettive, ricambiate del resto dagli alleghesi che, dovendo sceglire tra Lupi e Mastini preferiscono di gran lunga questi ultimi rossoneri.
    Mastini occitani più intensi nella finale, più spietati nello sfruttare tutte ma proprio tutte le occasioni possibili, e soprattutto dotate di un “hat tricker” Sirianni che certamente non scopriamo da ieri sera.
    Non ho visto la semi finale Valpe Valpu ma, le altre gare che ho visto, rimangono apprezzabili per l’ottimo livello di gioco espresso da tutte le squadre. Se vogliamo tutte si sarebbero meritate la coppa. Però lo sport si basa sulla vittoria di un solo vincitore. L’Alleghe in questi due giorni poteva fare di più? Forse sì. Forse giocando con una maggiore intensità da subito, dimenticandosi per una volta di essere una squadra con motore diesel. Sul piano del gioco forse manca un rifornimento costante di dischi validi dal reparto difensivo a quello offensivo. Gli attaccanti, LoVecchio per esempio, sono costretti a fare molto lavoro per recuperare dischi giocabili, il tutto a discapito del posizionamento in attacco efficace. Forse nel roster manca anche qualche kilogrammo e questo si sente quando si gioca contro squadre fisiche, pesanti come il Renon. Forse manca anche la fortuna, ma la dea bendata, si sa, non è frequentatrice assidua delle sponde del lago di Alleghe, sin dal lontano 1771. Quindi perché lamentarsi di ciò? Orami dovremmo esserci fatti il callo alla sua assenza. I campionati 1984/1985 2001/2002 persi in fianle con Bolzano e Milano e la coppa Italia 2007 persa co Pontebba sono lì a ricordarcelo… quello che è importante dire è che la stagione hockeystica 2012/2013 non è ancora finita e allora:
    TUTTI INSIEME PER LE CIVETTE!!!
    FORZA VECCHIO CUORE BIANCO ROSSO!!!

    PS volutamente relegato qui in appendice il commento al lavoro svolto dalla RAI a copertura delle finale – si riassume in una parola: imbarazzante. Commentatori che francamente hanno seccato con le loro partigianerie al di là di ogni sopportazione, riprese farraginose (con primi piani delle azioni quando era più interessante avere il campo largo e viceversa), addirittura riprese troppo luminose senza modulazione del contrasto tipo “ma dov’è il disco? Ah ! già: eccolo lì”… vabbè intanto il canone l’ho già pagato (purtroppo).

    1. Marco

      L’amarezza e la delusione per la sconfitta di ieri c’è ed è grande, credo che prender gol così a freddo sia stata la cosa peggiore e che abbia influito parecchio sull’esito della partita. Comunque la sconfitta è accettabile.
      La cosa inaccettabile invece è stato il commento spudoratamente di parte alla tv e le riprese scandalose.
      Mi fa piacere leggere che non sono l’unico ad aver avuto questa brutta impressione.

  17. Angelo Ramazzina

    Di ritorno dal Palatazzoli alcuni commenti ed elucubrazioni che gli spazi radio non consentivano.
    E’stata una festa di sport e di tifo,il veggente aveva previsto questa finale tutta biancorossa già a dicembre (per gli scettici ascoltare Sold Out registrato allora)
    Grande,meritata e un pizzico fortunata la vittoria sul Renon.
    Per come si sono presentate in campo le due finaliste il mio primo pensiero è andato a una frase di Nereo Rocco che nel suo primo anno di Milan (arrivava da Padova e Triestina)stringendo la mano a centrocampo all’allenatore inglese della squadra avversaria si era sentito dire in discreto italiano”Vinca il migliore” immediatamente rispondeva”Speremo de no!”
    Ecco la precisa sensazione.
    Loro ne avevano di più e il campo lo ha dimostrato,è stata una costante,dispendiosa e faticosa rincorsa e quando si è arrivati alla possibile svolta (5-3 in doppia superiorità)le migliori energie erano state spese,orgoglio e cuore non sempre sono sufficienti,ieri sera ne avevano di più gli “altri”
    Questo Alleghe non è un rullo compressore ma è una squadra bene impostata e convinta e già dalla prossima partita bisogna continuare sul tanto di buono visto fino ad ora.
    Un grazie di cuore ai tanti che hanno voluto mandarmi messaggi di stima per il mio apporto radio,e un grazie di cuore ai tanti tifosi che hanno fatto vedere cosa è il tifo vero nello sport.
    Pronti per la prossima…

  18. giangi

    complimenti alla valpe, ai loro tifosi e all’atmosfera che sono riusciti a creare. Voglio il campionato e ce la possiamo giocare.

  19. monia

    Anche noi in quanto a Eterni Secondi fino a ieri sera abbiamo messo del nostro!!
    Certo oggi a Torre e’ facile parlare bene,un solo pensiero….
    4 scuadre e solo due vanno in finale e quelle due eravamo NOI E VOI
    e’ stato un piacere tifare per Voi in semifinale e un onore giocare contro di Voi la finale.In bocca al lupo a voi tutti per la rimanenza del campionato.Monia

  20. Giorgio

    Se le lacrime di sabato sera erano di gioia e speranza quelle di ieri sera sono di disfatta. Difficile pensare ad un risultato così prima del match. Non più di due settimane fa avevamo vinto 5 a 1 con loro. Onore alla Valpe che ha avuto più cattiveria agonistica. Dispiace tanto, forse troppo ma andare a Roma e non vedere il Papa fa male per chi insegue ogni anno due sogni, due finali, due titoli. Uno è andato, i ragazzi non devono pensarci più e mettersi con la testa ai playoff. Noi tifosi ci penseremo ancora tanto e la lacrime saranno ancora amare.

  21. Paperino

    Purtroppo partiti troppo molli, contro una squadra che gioca in casa… faceva tenerezza quel piccolo angolo di tifosi biancorossi alleghesi, bravi!!! la Valpe ha meritato, sempre orgogliosi della squadra comunque. Se questi sono i commenti tecnici della Rai, meglio sentire la Gialappas. Grazie lo stesso, finale di coppa italia, quarti in campionato….. vincere qualcosa per noi è sempre un’impresa.

  22. Luca

    Si sapeva che la Valpe è una delle migliori squadre,
    si sapeva che sarebbero partiti “indiavolati”,
    tutti sapevano benissimo chi è Sirianni;
    domanda: perché Pokel non ha spostato Mc Monagle in avanti
    e inserito in difesa Tosic (lasciando Gino in tribuna)?
    Forse Ramazzina me lo sa dire.
    A mio parere qui Pokel non l’ha azzeccata, peccato.
    Va beh, vuol dire che ci prenderemo lo scudetto.
    Complimenti al Valpellice, è stata una bellissima giornata
    di sport.
    FORZA ALLEGHE, SEMPRE!!!

    1. Angelo Ramazzina

      Non possiamo avere il “polso” della situazione e dei giocatori come Pokel,ma da esterno penso tatticamente esattamente quello che pensi tu,meglio Tosic.
      Ricordiamoci che non esistono allenatori masochisti e le scelte vengono fatte in maniera ponderata.

      1. jonni

        Concordo pure io,infatti come terzino Tosic non é una “cima”
        ma nelle partite che ha disputato mi sembra abbia dimostrato di essere un buon “italiano”e di giocare pure con il cuore….poi come diceva l’amico sopra,sull’aereo io metterei pure il sig…….che doveva fare la differenza,
        purtroppo ha dimostrato fino ad ora di avere solo un gran pattinaggio e qualche bel assist!

        ps.grazie x la radiocronaca!

  23. Mauro

    Passata la delusione ora andiamo a conquistare il tricolore. Dai civette quest’anno ce la possiamo fare. Abbiamo battuto bolzano val pusteria più volte. Non siamo inferiori a nessuno. Con giocatori come waddell lo vecchio dennis possiamo battere chiunque. Vinciamo il primo scudetto. Forza civette non mollate saremo sempre con voi!!

  24. sergio

    Complimenti comunque. Forse avete dato tanto in semifinale fisicamente e come energie nervose. Comunque avete regalato due giornate di grande e vero sport. Sono fra quelli (e sono tanti) che alla fine vi hanno applauditi. Adesso in campionato c’è la possibilità di incrociare le stecche fino alla nausea… Due partite nel master round e probabilmente almeno altre quattro (ma non basteranno) nei play off. Sarà una rivincita per voi e una nuova sfida per noi. Chiunque vincerà avrà il rispetto dell’altra parte. Siamo due realtà simili, uniti dalla stessa passione e dagli stessi colori biancorossi, con i quali abbiamo tappezzato il “Tazzoli” di Torino. In bocca al lupo, di cuore

  25. cuore biancorosso Valpe

    Bello leggere questi commenti sportivi che sanno riconoscere obbiettivamente il risultato senza vittimismo. Da quel che leggo abbiamo tutti, ad alleghe e a torre pellice dei conti in sospeso con la sfortuna. Questa volta qualcuno doveva sorridere e , perfortuna , è toccato a noi! Ho esultato al vostro goal a 7 secondi dalla fine … e credo che la partita con voi sia stata molto più corrretta di quanto lo sarebbe stata con i sud tirolesi. Mi sa che ci saranno ancora molte partite quest’anno in cui cercherete di “vendicarvi”! Che vinca il migliore! Bravi

    1. Non l’ho ancora fatto… finora ma desidero anch’io complimentarmi per la bella partita fatta dal Valpellice. Soprattutto ringrazio anche voi tifosi piemontesi che così cortesemente presenziate su questo blog per come dire…… consolarci.
      Noi e la valpe siamo amici.. da sempre, dai tempi di Giulio Francella, l’ha ricordato in tv anche il Vs Pres. Cogno.
      Vi rivedremo sempre volentieri. A presto e Vi sieti meritati la Coppa!.

  26. Dopo tante belle parole di elogio da parte di molti tifosi alla squadra, come è giusto che sia, mi sembra di passare per il cattivo di turno che deve tornare a mettere… zizzania. tuttavia, per non sdrammatizzare sempre tutto, alcune considerazioni in questa vena di buonismo generale permettetemi di farle.
    Abbiamo pur sempre perso, perso una finale, tanto per non farci mancare nulla!
    Questa esperienza però deve almeno farci capire una cosa fondamentale che è emersa.
    Ebbene, la certezza di cui parlavo è questa: tutte le squadre che hanno partecipato alla fase finale di coppa, che sono poi le stesse che si contenderanno il campionato, incluso il Bolzano, hanno dimostrato nelle partite che contano una cosa: di avere uno, due giocatori di grande esperienza e carisma che ti fanno vincere le partite e intendo Sirianni e anche Di Casmirro nella Valpe, Jacina e Durno nel Renon, Jensen e Cullen nel Valpusteria, Mcgregor Sharp e Flynn nel Bolzano. Solo noi abbiamo dimostrato di averne uno (Rocco) mentre gli altri sono ottimi giocatori ma non uno sniper . Ma forse lo sapevamo.
    Resta il fatto che Se, e ripeto Se, la Società Alleghe Hockey intende, come credo, andare sino in fondo nella lotta allo scudetto allora sono convinto (ma credo che dopo la coppa lo sia anche Pokel) che si debba fare una scelta di imbarcare sul primo aereo per gli USA Mr. Minnesota Gino Guyer e attendere un rimpiazzo di esperienza e personalità. D’altronde per due mesi non credo ci costi una follia, il problema è individuare il giocatore giusto, ma per questo abbiamo Mike kelly, lo scout. Io credo che il pres Rossi ci stia pensando, forse si è già mosso in tal senso. Se questo non sarà possibile allora credo che nei quarti di finale play off rivivremo l’incubo della finale di ieri sera. vedo che molti non si sono resi conto di questo e continuano a parlare di scudetto. Credo che Pokel non sia uno sprovveduto e che anche Rossi intenda fare questo sforzo fondamentale, altrimenti andrà a finire che il Sirianni ci bastonerà ancora.
    Non me ne vogliate per queste parole, ma dopo ieri sono tornato con i piedi per terra.
    Un abbraccio a tutti

  27. montreal

    Innanzitutto onore alla Valpe, ha vinto non la squadra dal roster migliore ma quella che ci ha creduto di più, arrivando in formissima all’appuntamento di Torino. Ospite di amici torresi, ho visto la voglia di vincere dei giocatori e dell’intero paese, che domenica mattina non parlava d’altro e nel pomeriggio si è svuotato completamente per andare a Torino. Intensità che a mio modesto parere è mancata alla nostra squadra, da sempre la Valpe parte fortissima (è successo pure nella semifinale con i pusteresi) quindi rgazzi perchè siete ultimamente un motore diesel, non sempre si può recuperare due -tre reti di svantaggio…Dalla parte Valpe se sabato sera Sirinni era stato pefetto, ieri semplicemente mostruoso, il classico giocatore cinico che a noi manca dal 2002 (vedi Roy), sin dall’inizio facciamo troppa fatica a concretizzare, grave lacuna che spero di non dover pagare nei playoff. Una piccola considerazione: magari sbaglierò ma mi ricordo che Johansson quando giocava a Cortina era la classica prima punta, non d’appoggio come ora, forse in questo ruolo è sprecato, perchè da lui mi aspetto meno gioco ma più reti. Chiudo salutando Alex di Milano e Roby di Gallarate, che per l’occasione ho rivisto volentieri. Infine un grande applauso ai tifosi Valpe, grandiosi nel sostenere l’Alleghe in semifinale e fantastici ieri sera. Spero di rivedervi in finale.

  28. davide

    Un saluto agli amici alleghesi, che meraviglia leggere i complimenti reciproci. così dovrebbe sempre essere il tifo sportivo. passione per i propri colori e rispetto degli avversari. Sono un tifoso valpe ma soprattutto sono un amante di questa splendida disciplina che è l’hockey su ghiaccio. Devo dire onestamente che a mio avviso la valpe ha pienamente meritato il trionfo pur esprimendo tutta la mia ammirazione per i ragazzi alleghesi che hanno lottato alla grande fino alla fine. Due sole parole per i telecronisti RAI: uno è competente ma molto di parte (bolzanina) l’altro non capisce una sega di nulla e dovrebbe cambiare mestiere. ARIDATECE STEFANO BIZZOTTO !!!!!

    1. Gabriele

      eh ma…. Bizzotto è bolzanino…. ti lascio immaginare!!! Hai ragione comunque, bello vedere il rispetto tra tifoserie. Cosa difficile da vedere.
      Ciao e complimenti ancora per la vittoria!

  29. Gianni tifoso Valpe

    Mi fa piacere fare i complimenti ai tifosi agordini per la loro sportività, sia sugli spalti ieri sera al Tazzoli che nei commenti che ho letto qui.
    A questo punto per il campionato ancora più FORZA BIANCOROSSI!!!

  30. Roberto75 (Gallarate)

    Innanzi tutto complimenti alla Valpe per la grande partita e la vittoria meritata. Detto questo purtroppo quest’anno ci e’ capitato troppo spesso di avere delle partenze ad handicap dovendo recuperare 2/3 gol a meta’ partita. Comunque sono molto dispiaciuto per l’amara sconfitta ma anche felice per le bellissime emozioni che ho vissuto in questo weekend di hockey a Torino, grazie Civette che mi avete fatto sognare….
    Concludo salutando Paolo di Savona (montreal) e Axel, Marco (sono io) e Alex di Milano. Ci si vede alla prossima sperando in un finale ben diverso. Forza Civette!!!

  31. jonni

    E’proprio vero che leggere tutti questi commenti è piacevole,sono daccordo però che alcune persone…..vedi EDOARDO abbiano azzeccato in pieno il problema……..
    Ma ragazzi,ok il 4°posto conquistato fino ad ora,e quest’anno non venite a dirmi che la dea bendata non si sia mai affacciata in riva al lago……ma avete visto il roster della Valpe? Contateli bene i giocatori validi dei vincitori della coppa italia,non c’era solo Sirianni e Di Casmirro,forse avete dimenticato TOMKO, Dupont,Intranuovo,Inancak,PARISE,forse sbaglio e mi auguro di farlo x il proseguo del campionato.
    Complimenti e grazie a tutti i giocatori delle CIVETTE x averci fatto trascorrere due giornate meravigliose,
    anche se alla fine ha proprio vinto la coppa chi l’ha meritata! Ci vediamo a Renon in bocca al lupo a tutti
    compresi noi tifosi…………

  32. davide

    gabriele, hai ragione, bizzotto è bolzanino ma almeno è competente e non dirà mai tutte le cretinate che invece dice quello pseudo telecronista che chiama jalmarsson gialmarson, che dice en eig el, che ha chiamato il palatazzoli palatoffoli e che ha fatto disputare la finale di 5 anni fa a torino alla valpe contro il pontebba (la valpe non era nemmeno nella final four).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tanti Auguri a….

Prossima Partita

Ritten Sport vs Alleghe Hockey

RittenArena
Under 15

Calendario

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 2
457810
111215
1819202122
252629